Skip links

Social Sharing: come trovare gli orari migliori per postare

Che il vostro obiettivo sia alimentare i follower oppure aumentare l’engagement, individuare gli orari migliori per postare sui Social Media è fondamentale. Vediamo come fare, partendo da zero.

È meglio postare quando più persone sono online? I nostri contenuti vengono apprezzati di più nel week end o durante i giorni feriali? Queste e altre domande potrebbero affollare la mente del novello (ma anche dell’esperto) social media manager o dell’azienda che ha puntato sulla content strategy per promuoversi e convertire.

Le regole del Social Sharing non sono univoche: non esiste nessun orario o giornata migliore, ma tutto dipende dalle caratteristiche del target e del prodotto.

Partendo da zero, vedremo come utilizzare alcuni tool gratuiti – ma anche un semplice ragionamento logico – per individuare i migliori orari per postare, in via del tutto approssimativa: più avanti parleremo di come tutte queste operazioni possono essere concentrate in unica sessione di analisi, grazie al Social Listening.

Se sei convinto che la tua strategia di Social Sharing vada bene così, non continuare a leggere questo articolo e scarica la nostra checklist per capire se hai veramente tutto sotto controllo:

SCARICA LA CHECKLIST

Usala come test o come memorandum per le tue attività settimanali. Condividila con il tuo reparto e costruisci la tua Data-Driven Strategy giorno dopo giorno.

Orari di pubblicazione: come capire quali sono i migliori

Ogni social network ha caratteristiche specifiche, regole di pubblicazione e orari “preferiti”: è bene conoscere queste informazioni prima di stilare un piano, seppur sommario, di pubblicazione. Facebook e Linkedin hanno lo stesso tipo di pubblico? Quali sono i momenti preferiti dell’utenza tipica di uno specifico social network?

immagine che mostra la calendarizzazione e gli orari migliori per postare sui social media

Lo stesso ragionamento vale per il target: è fondamentale analizzare bene le caratteristiche del tuo target, categorizzarle e usarle per creare dei modelli che ti permettano più avanti di arrivare a utenti non ancora raggiunti.

Ma come fare, senza uno specifico tool di Social Listening, a individuare i migliori orari? Con qualche aiuto da tool gratuiti e una buona dose di ragionamento analitico.

 

  • Twitter. Vale per Twitter ma anche per gli altri network: Buffer può essere un tool utile per programmare al meglio i vostri post. Grazie alla funzione Optimal Scheduling il tool analizza le statistiche del nostro profilo e dell’audience e, in relazione al nostro numero di post giornalieri, mostra su un grafico l’orario migliore in cui pubblicare. È utile se analizzate i profili e le pagine Facebook, Twitter, Linkedin e le pagine Google+. Naturalmente, si tratta di una media statistica in base all’audience che abbiamo già e alla quantità di contenuti che solitamente postiamo: in sostanza, il tool non ci dice nulla sul pubblico ipotetico del nostro settore merceologico, ma solo su quello già acquisito.
  • Facebook. Nel caso delle pagine Facebook, potete sfruttare gli Insight per capire quando i vostri fan sono on line: cliccando su “Post” , nella sezione “Quando i tuoi fan sono online”, il network fornisce un grafico che permette di capire, in base ai 6 giorni precedenti, quando gli utenti sono stati on line. Il lato negativo è che il tool restituisce il numero di fan online in una data e in un orario specifico, ma non dice, ad esempio,  se un utente che si è connesso durante le mattina lo ha fatto anche nel pomeriggio.
  • Instagram. Un ultimo tool da menzionare è Iconosquare (una volta conosciuto come Statigram): nella sezione best time to post, analizza il tuo pubblico e il numero di contenuti e permette di capire orari e giorni della settimana più performanti.
  • Linkedin. Diverso il discorso per questo social network, utilizzato per lo più da professionisti, alla stregua di un magazine che fornisce importanti informazioni sul proprio settore. Audience B2B, è spesso considerato come una delle piattaforme a più alto ottenimento di lead: non c’è accordo rispetto al momento migliore per postare. Secondo le analisi di socialmediatoday.com, i giorni migliori di pubblicazione sono quelli feriali e centrali della settimana, prima e dopo il lavoro. Secondo le analisi di AddThis il picco di click si ha fra le 14 e le 16, mentre il maggior numero di condivisioni è generalmente fra le 10 e le 12, o dopo le 16. Ancora, secondo Coschedule, gli orari più proficui sono fra le 7 e le 8 del mattino e dopo le 17.

Individuare gli orari migliori con il Social Listening

La cosa importante da tenere a mente è che questi strumenti si riferiscono all’audience già legata alla tua fan page, al profilo o alla company page, limitandosi a questo: non dicono nulla, invece, sul pubblico che potresti avere.

La differenza con l’uso di uno specifico tool di Social Listening è proprio qui: la capacità di individuare caratteristiche, ottenere informazioni e monitorare il pubblico del tuo settore merceologico.

Questo permette di tracciare le abitudini degli utenti legati alla tua industry e di costruire dei modelli con cui individuare nuove nicchie e, naturalmente, i migliori orari per interagire con questi, massimizzando la tua strategia di content marketing.

Se sei convinto che la tua strategia di Social Sharing vada bene così, scarica la nostra checklist per capire se hai veramente tutto sotto controllo:

SCARICA LA CHECKLIST

Usala come test o come memorandum per le tue attività settimanali. Condividila con il tuo reparto e costruisci la tua Data-Driven Strategy giorno dopo giorno.

Iscriviti alla community KPI6 e ricevi news e report riguardanti le più importanti tematiche della tua professione: Social Media Listening, Big Data Analysis, Influencer Marketing e molto altro ancora.